Dermatologia

Screening del tumore della pelle

La prevenzione è tutto!

La pelle è esposta a numerosi agenti esterni, in particolare i raggi solari sono quelli che hanno l’impatto più frequente ed intenso sulla nostra cute. Infatti, dopo diversi anni di esposizione al sole, i meccanismi protettivi della pelle possono indebolirsi rischiando di far sviluppare un tumore cutaneo, che deve essere scoperto all’origine e rimosso per tempo. Grazie a regolari visite preventive di controllo, è possibile diagnosticare un tumore della pelle sul nascere e tutelare la propria vita.

Rimozione dei tumori della pelle in ambulatorio

Spesso i tumori della pelle diagnosticati nella fase iniziale – e questo vale sia per il tumore cutaneo melanomatoso che per quello non melanomatoso – possono essere rimossi con un intervento minimamente invasivo. Grazie a questa tecnica, che il Prof. Dr. Paul Eberhard svolge con successo da diversi anni, sulla pelle restano solo delle piccole, impercettibili cicatrici. Questa tipologia di trattamento è consigliata principalmente agli sportivi, che dopo l’intervento possono fare la doccia senza problemi e non devono interrompere il loro allenamento. Per quanto riguarda i tumori avanzati, per la rimozione è necessario un intervento di chirurgia plastica ricostruttiva. Anche qui vale il seguente principio: prima viene scoperto il tumore, più semplice sarà l’intervento.

Medicina estetica

Il processo evidente di invecchiamento cutaneo avviene già con la mezza età e dipende dalla tipologia di pelle, dalla predisposizione all’abbronzatura e dallo stile di vita. Ogni raggio di sole danneggia la pelle! Per questo la pelle del viso e del decolleté sono le parti più a rischio. Inoltre, sulle zone del viso prevalentemente soggette alla mimica, si sviluppano dapprima delle piccole rughette (per es. zampe di gallina), che negli anni diventano sempre più profonde, poiché i raggi UV del sole distruggono a poco a poco il sistema connettivo della pelle, facendole perdere la naturale elasticità. Una terapia adeguata di Anti Aging può riportare la pelle ad un aspetto più giovane e fresco.

Allo stesso tempo, sulla pelle compaiono macchie pigmentate benigne (macchie di vecchiaia) mentre nell’epidermide possono svilupparsi escrescenze spinose, verruche causate dal sole, che completano il quadro di una pelle invecchiata e danneggiata dai raggi solari.

Per combattere questi cambiamenti, esistono numerose possibilità di trattamento:

Allergie/Malattie eczematose

Da decenni le allergie sono costantemente in aumento. Sostanze innocue dell’ambiente circostante sono in contatto quotidiano con la nostra pelle e/o le nostre mucose, dove possono causare sintomi gravi a causa di una risposta immunitaria eccessiva ed errata. Tra le allergie più comuni troviamo il raffreddore da fieno, l’asma e gli eczemi cutanei. Per scoprire da cosa sono causate le allergie è necessario un intenso lavoro di investigazione, poiché lo spettro delle cause può essere molto ampio. Un test cutaneo e le analisi del sangue normalmente possono fare chiarezza sulla situazione.

Psoriasi

La psoriasi è una malattia cutanea non contagiosa e spesso di origine genetica, che si caratterizza attraverso un arrossamento e un incrostamento della pelle, soprattutto nella zona dei gomiti e delle ginocchia, ma a volte, anche nella zona della testa. In caso di manifestazione intensa, la psoriasi può portare a problemi relazionali. Spesso questa malattia colpisce anche le articolazioni e si manifesta anche con dolori e rigidità articolare. Se la psoriasi si manifesta in maniera particolarmente intensa, oltre che con terapia esterna, si possono raggiungere buoni risultati con appositi medicinali (Biologicals). Un trattamento esterno continuativo ed un contemporaneo rafforzamento del sistema immunitario possono condurre a risultati di successo senza effetti collaterali indesiderati.

Malattie dei capelli

I capelli sono estremità pilifere dell'epidermide. Essi si trovano nella guaina della radice, dalla quale crescono in frazioni di millimetri nel corso degli anni. Una volta cresciuti, i capelli si scostano per fare spazio a capelli nuovi: in questo caso, se non si perdono più di 100 capelli al giorno (tuttavia non c’è un limite preciso) si tratta di una caduta dei capelli naturale. I capelli sono però anche soggetti a influssi ormonali. Non ci si deve meravigliare, quindi, se per esempio dopo la gravidanza la perdita di capelli si fa più intensa. Riconoscerne le cause è il presupposto per una terapia di successo.

Sono sicuramente patologiche tutte le forme di caduta circolari dei capelli, che ne provocano la perdita completa una determinata zona del cuoio capelluto. In questo caso, la causa è da ricercarsi in processi auto-aggressivi e il trattamento deve quindi mirare ad un effetto tranquillizzante sul sistema immunitario. A volte la caduta circolare dei capelli può essere anche la causa di fattori psichici di stress.

Copyright © 2016 All Rights Reserved - ClinicAgostini - P.IVA: 02218180210 - Impostazioni privacy -Privacy & cookie policy -Impressum -Sitemap -Totalcom Web Agency